Inchiostro

Gli inchiostri adottati all’interno di Etis provengono attualmente da due principali aziende fornitrici che hanno sede in Lombardia e Veneto. Anche questo tipo di materiale, stipato in cisterne, giunge a destinazione attraverso il trasporto su gomma. Nel sistema “offset” vengono utilizzate due grandi cisterne di 10 tonnellate ciascuna per il colore nero e 6 cisterne di circa 2 tonnellate ciascuna per gli inchiostri colorati. Nel sistema “flexo”, invece, vengono impiegati 4 contenitori da circa 5.000 litri ciascuno per colore, alimentati dall’esterno attraverso il pompaggio da cisterne mobili da 1.000 litri circa. Nella stampa “flexo” l’inchiostro viene mischiato ad acqua e ad alcuni solventi, producendo scarti che vengono eliminati ciclicamente entro periodi di 20-30 giorni. In totale, ogni anno vengono conferiti dallo stabilimento catanese come rifiuti speciali circa 55 tonnellate di soluzioni acquose contenenti inchiostro.

Italiano
Tags: